#SummerMEMIS: intervista alla Cooperativa Sociale Onlus Ama Aquilone

Qualche domanda alla Cooperativa Sociale Onlus Ama Aquilone, tra le realtà testimoni alla Summer School MEMIS. 

Come e perché nasce Ama Aquilone?

La Cooperativa Sociale Onlus Ama Aquilone, ha le sue radici nel territorio piceno e nasce nel 1981 dalla spinta solidaristica di un gruppo di volontari impegnati sul fronte di differenti marginalità quali tossicodipendenti, senza fissa dimora, alcolisti.
Oggi Ama Aquilone gestisce cinque strutture residenziali, una comunità terapeutica che accoglie persone con dipendenze patologiche, una per soggetti in comorbilità psichiatrica, una delle poche strutture specialistiche in Italia rivolte a madri tossicodipendenti con figli, un centro di osservazione diagnosi e disintossicazione ed una comunità educativa per minori in difficoltà e minori stranieri non accompagnati.
La Cooperativa gestisce anche un centro diurno ed un ambulatorio GAP per il gioco d’azzardo patologico.
Ama Aquilone si occupa di reinserimento lavorativo, di agricoltura sociale, di alta formazione.
La fragilità umana è una, il nostro impegno quotidiano nasce dalla volontà di declinarla nelle sue molteplici sfaccettature.

 

Territorio, resilienza e rete: in che modo questi concetti trovano spazio nella vostra realtà?

La Cooperativa Sociale Ama Aquilone ha un profondo legame con il proprio territorio di origine, dal quale non si è mai allontanata, anche quando la crescita dei servizi avrebbe potuto comportare nuove esigenze logistiche. Dalle strutture socio-sanitarie all’agricoltura sociale, fino alle iniziative culturali e formative, il desiderio resta quello di utilizzare l’appartenenza come una terra di incontro generatrice di energia sostenibile ed inclusiva.
Così “tramandiamo i nostri confini” con la lungimiranza della memoria e il coraggio del futuro.
Poiché, come ci insegna la terra, ogni uomo è fatto di fioriture e sfioriture, di cadute, di cambiamenti e fragilità che dobbiamo saper accogliere come opportunità.

 

Tra le metodologie illustrate durante la Summer School MEMIS, a quale ricorrete più di frequente e perché?

Ama Aquilone ha una storia bella e autorevole. La Cooperativa lavora con passione affinché i servizi continuino a procedere senza flessioni ed affinché tutti i progetti possano avere continuità. Investiamo con entusiasmo su altri traguardi, rafforzando quelli già avviati ed incentivandone di nuovi. Per fare ciò è stato fondamentale consolidare il dialogo con le realtà pubbliche e del privato sociale del territorio, ed intensificare il fundraising mantenendo un vivace confronto con gli stakeholder.

 

Cosa deve attendersi chi intraprende un’esperienza come la vostra? Con quale approccio consigliate di cominciare?

Abbracciare l’autenticità dell’umano, un impegno che richiede la passione ed il coraggio di visionari appassionati.
Mettere in discussione quotidianamente i propri limiti, nella consapevolezza che non siamo salvatori, ma compagni di viaggio.
Cercare la Bellezza nei piccoli frammenti.
Non stancarsi mai di accogliere.

Post comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2016 Human Foundation Giving and Innovating Onlus